X
Utilizziamo cookies per migliorare i nostri servizi e offrirti una buona esperienza di navigazione. Se continui a navigare, riterremo che ne accetti l'uso. Puoi conoscere qui la nostra Politica di trattamento dei cookies.
IL BLOG
L'abito trasformabile
L'abito trasformabile
Trends    SHARE

by Alessandra Rinaudo

UNA FACILE SOLUZIONE PER IL CAMBIO D'ABITO

 

L'abito trasformabile è una soluzione che fa sì che la sposa abbia praticamente un cambio d'abito.

E' adatta quando la cerimonia richiede una mise più istituzionale, mentre nei festeggiamenti si vuole essere più libere.

Chi sceglie questo vestito è una donna moderna, contemporanea, dinamica, che, senza rinunciare all'eleganza, predilige un tocco di comfort.

L'abito trasformabile è inteso sia nelle lunghezze sia nelle trasparenze.

Il primo caso riguarda la gonna doppia: si può costruire una gonna che esca sotto al tubino, e dia un'idea di sirena, oppure una gonna ricca e larga in organza, taffetà o duchesse, sopra a questo, in modo da rendere l'abito principesco. Alla fine della cerimonia le gonne potranno essere tolte per rendere la mise più easy.

Lo stesso procedimento, del "metti-togli", può essere applicato alle scollature: per la parte superiore del vestito si può pensare ad un bolerino con trasparenze o ad una stola importante oppure anche a un gioco di carrè realizzato a body.

O ancora, molto particolare e di grande effetto, sempre per le trasparenze, è il doppio abito: una "sottoveste" completamente liscia sovrapposta ad un vestito di pizzo, che, poi, può essere tolto.

Questa tipologia è adatta ad ogni fisicità: i modelli, infatti, vengono pensati e realizzati stilisticamente adatti alla persona.

Una ragazza che ha un fisico molto femminile con la vita piccola, per esempio, può permettersi di indossare una gonna a tubino con una sopragonna molto ampia, per creare l'effetto principessa.

Invece, chi ha poco punto vita e una taglia un po' più robusta può pensare ad un abito redingote con la parte superiore di pizzo, anche uno spolverino per esempio, che si può togliere.

by Alessandra Rinaudo